PAROLA DI BAU

lara e raf 20150924_191759
Raf e Lara

.

Un uomo scrisse ad un albergo di campagna in Irlanda per chiedere se avrebbero accettato il suo cane. Dopo qualche giorno ricevette la seguente risposta.

“Caro signore, lavoro negli alberghi da più di trent’anni. Fino ad oggi non ho mai dovuto chiamare la polizia per cacciare un cane ubriaco nel cuore della notte.
Nessun cane ha mai tentato di rifilarmi un assegno a vuoto.
Mai un cane ha bruciato le coperte fumando.
Non ho mai trovato un asciugamano dell’albergo nella valigia di un cane.
Il suo cane è benvenuto. Se lui garantisce, può venire anche lei.”

38 pensieri riguardo “PAROLA DI BAU

  1. Un anno passai le mie vacanze sulla costa romagnola, a Riccione: non lo avevo mai fatto. Albergo-spiaggia non è esattamente la mia vacanza ma qualche mese prima avevo perso mio padre dopo diversi mesi molto difficili e serviva solo questo. Albergo spoiaggio, spiaggia albergo, passeggiatina riposo sonno sole e cibo casalingo.
    La signora – una delle poche romagnole doc (ahinoi) a gestire gli alberghi della riviera romagnola, mi disse che portano via dalle camere non solo asciugamani, lenzuola federe ecc ma anche tende e perfino le placche delle prese della luce. Assolutamente pazzesco.
    Per questo ogni volta che faccio il check out non lascio mai la porta aperta. Chiudo sempre prima di consegnare la chiave. Non sia mai che si intrufola qualcuno dopo che io me ne sono andata… Ditemi voi se si può vivere così..

  2. Forse sono troppo ingenua, non avrei mai creduto che si potesse arrivare a tanto: le federe e le placche delle prese della luce, mi sembrano follie. Ma il mondo in cui abbiamo la ventura di vivere in questo periodo un po’ folle lo è davvero!
    Pinuccia

  3. E’ meglio avere un cane che avere una vita da cani
    Beh non è un gran che…m’è venuta così.
    Pieffe

  4. Da un paio di mesi ho dei vicini maleducati. Hanno due pastori tedeschi che vivono perennemente soli. Dalla mattina fino a tardissima serata. Amo gli animali, ci mancherebbe. Ma abbaiano in continuazione. Fino a che i ‘padroni’ non rientrano.
    Ho provato a lamentarmi dicendo che forse la solitudine li innervosisce. Me ne hanno detto di ogni… Ecco. Forse, oltre a noi, nemmeno questi cani vivono bene. E la maleducazione è sempre più presente vicino e lontano da noi.
    Ciao a tutti.
    Sir Biss poco rilassata

  5. Come ti capisco Sir Biss: la mia vicina non ama i gatti: mi ha detto che gli animali devono stare a casa loro. Forse parlava di lei che è molto arrogante. Ho cercato di spiegarle che i gatti non hanno confini… ma non ci sente. Come è logico.
    Così non posso più nemmeno” permettermi ” un gatto. Perchè lei si è offesa e non mi parla più.

    E’ banale: meglio gli animali delle persone.
    Così ogni tanto vado a coccolare i mici e il cane di Franci, specie quando sono in crisi di astinenza.
    Buona serata Controlucini; freschetto oggi, vero?
    Pinuccia

  6. I gatti sono indipendenti, curiosi, girondoni. Così capita che sconfinano. E non tutti gradiscono gli sconfinamenti, specie se si tratta di gatti maschi integri.
    Così per evitare altri problemi abbiamo pensato che era meglio non adottarne più.
    Intanto approfitto di quelli di Francesca: a lei fa piacere vederci una volta in più. Parola di Pinuccia.

  7. Mah….. capisco tutto ci mancherebbe. Ma non mi pare molto giusto limitare la propria libertà. Giusto e sacrosanto rispettare quella altrui… Ma non c’è una via di mezzo?

  8. C’era un mio vicino al mare che aveva due bellissimi cani che a me piacevano molto. Ma, al contrario di me, lui non soffriva il mio gatto. Ma i gatti che sono sapientissimi, preveggenti, stregoneschi e soprattutto non sopportano i soprusi, andava regolarmente a fargli la cacca davanti alla porta della sala da pranzo. Un genio!

  9. 🙂
    aspettiamo la sezione dei cani sul sito. Possiamo chiamarla NONSOLOGATTI
    Ci sono due cagnolini che sarebbero lieti di fare l’overture 🙂
    Mando lettera al Presidente e poi al WebMaster (che ovviamente è un gatto).
    Carta semplice?

  10. Beh si. Io ci starei. Però il webmaster, che è un gatto, è anche molto pigro. Ma tu gli stai simpatica quindi provaci!!!

  11. Ok ci provo. Lo corrompo coi croccantini. O con il cioccolato?
    intanto imparo a miagolare poi vediamo 🙂
    Metto subito alla prova le mie neo-arti miagolatorie
    Miiiiaaaaaaooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  12. IO NON SONO PIGRO!!!! Comodo protestare e far lavorare gli altri tze tze… e poi per che cosa? per degli stupidi cani? tirategli la palla che ve la riportano, tzè. Miiaauuuhhhh torno a dormire.
    Zarziguli zzzzzzzzzzzz

  13. TRADITORE. Sei peggio di gatto silvestro.
    Voi gatti non conoscete l’alfabeto. Alzate la coda al posto di abbassarla e viceversa!!
    Bisogna ragionare al contrario per “parlare” con voi.
    Restiamo nella nostra cuccia in attesa di firmare altro contratto e sfilare in un altro sito web. Siete voi a perderci.. Mica noi.
    Ribadiamo il concetto di pigro. Altro che meditazione!! Si chiama lazzaronaggine!!
    Bau Bau Bauuuuuu
    LARA e RAF

  14. Vabbè farò sezione del sito per bestie inferiori, cani, cavalli, topi e tope, molluschi. Mandate croccantini in quantità adeguata
    Zarziguli

  15. Non solo crocchini, anche coccole senza ritegno. I GATTI le meritano.

    I cani anche . Ad esempio se a Franci e a Lorenzo toccate Clifford, poveretti voi. Adesso non ce l’ho sottomano , ma a Cliffi hanno persino dipinto un ritratto ed è bellissimo. E’ il loro mito! fa cose che noi umani non ci penseremmo mai di realizzare, anche se ormai è vecchiarello ( ha una quindicina di anni), ma è vispo come quando era un cucciolo!

    Ben tornato Zarzigulì!
    Pinuccia

  16. Ho ricevuto il ritratto. Delicato, sa di cose semplici e buone. Come il pane.
    Eh si questi cagnettini sono giocosi e vivaci come dei furetti anche a 15 anni…
    Bentrovati a tutti
    Adesso scovo ZarZiguli’

  17. Gatto ZaZiguli’ (una volta tanto non sfatiGATTO) ha provveduto alla sezione “non solo gatti”. Noi abbiamo fatto gli onori di casa !!!
    Sta partendo un aereo carico di croccantini. Dice che vuole solo questi e non baci. Venali sti gatti!
    Bau Bau e leccatine a tutti i Controlucini, una speciale a ZarZiguli’ e una al Presidente.
    Lara
    Raf

  18. Un uomo decide di adottare un cane, il cane doveva avere delle caratteristiche particolari ma non per mostre e/o sfilate….anche se ogni cane è particolare, a lui piace quel tipo. Ha bene in mente la razza, il colore, la taglia. Dopo un attenta ricerca su internet e una notevole quantità di denaro sborsato, arriva il giorno in cui una nuova creatura entra a far parte della sua vita. L allevamento dove erano tenuti questi animali era fatiscente, mal messo, sporco, i cuccioli stessi sporchi ammassati in piccoli spazi. Si innamora di un cucciolo di labrador che tanto era sporco di escrementi e urina di altri cani che tutto sembrava fuorché un cane. Alla visione dell indecoroso spettacolo che si presentava ai sui occhi, l uomo va su tutte le furie col proprietario della tenuta per l indecenza, con la quale vengono allevate queste bestiole promettendo che avrebbe denunciato la cosa alle autorità competenti (cosa che in seguito ha fatto). Di fronte a tanta rabbia,e dopo una lunga discussione sulla tematica l allevatore pensa di fare buona cosa dicendogli: “mister has patience if the wash” ” thanks, I’ ve seen enough”….di rimando l uomo. Paga, prende in braccio quella palla di pelo bagnata, sporca, puzzolente….una palla di pelo di circa 4 chili sebbene cucciolo, e con gli occhi luccicanti di lacrime per quel che lasciava,l uomo se ne va. Ma quello che avviene poi ha dell incredibile. Il rientro a casa. Il viaggio su mezzi quali bus e metro da cambiare ogni tot fermate, la gente che li guarda come fossero appestati, si allontanano per via dell odore sgradevole, forte, pungente che si fa sempre più insistente attorno a loro, nella ressa loro trovano spazio. Sente i commenti dei viaggiatori, ma non li ascolta, la gente si allontana, qualcuno tenta una piccola offerta che prontamente ed educatamente l uomo rifiuta. Due/ tre ore di viaggio interminabili, con il cucciolo sempre tra le braccia. Non è abituato al guinzaglio, non ancora. È abituato a stare stretto stretto coi suoi simili, e forse da adesso sentire il calore umano. Durante la corsa verso casa loro si guardano, l uomo gli parla lo stringe a se, lo coccola, tenta invano di asciugarlo strofinandolo con i suoi abiti sotto gli occhi increduli dei “compagni” di viaggio. Finalmente a casa, i 4 chili sono diventati 40, le braccia indolenzite, l uomo stremato dalla stanchezza prepara la vasca da bagno e ci si infilano insieme. Insieme giocano, insieme si coccolano, insieme insieme…..ora sono sempre insieme.
    carola
    ps. non rileggo, invio e auguro una serena notte a tutti i controlucini e a me stessa 🙂

  19. Grazie carola per questo spaccato di umana e rara bellezza.
    Non sapevo la storia dell’uomo e del suo labrador ma so dell’uomo e del labrador. Dunque so che è una storia vera.
    Grazie

  20. Ciao Carola, Ciao Andrea
    Un saluto particolare e voi e un brande Bauuuuu a 8 zampe al Labrador!
    Da Lara:
    anche io ero in un canile anche se di tutto decoro.. ma un canile. Adesso ho una famiglia e un cane speciale di nome Raf che adoro pur essendo gelosissima dei padroni di casa. Sono femmina.. si sa!!
    Da Raf:
    Ebbene si.. anche io l’adoro anche se a volte mi viene il dubbio che sia una vipera travestita da cagonolina
    Lara e Raf
    Bauuuuuuuuuuuuuuuuu

  21. Ciao Lara e Raf,
    Certo. Ora avete una famiglia. E che famiglia!
    Un saluto a voi tutti (a due e quattro zampe) dal clima primaverile di lago.
    Ora mi farò dei nemici (so bene quale per prima) ma mi mancano gli inverni di qualche lustro fa…

  22. C’è chi può avere la primavera sotto Natale e chi vive immerso nelle nebbie.
    Quasi quasi mi faccio adottare da Sir Biss!
    Bellissimo racconto Carola, come sempre. Complimenti.

    Abbracci anche da me a tutti sia con le zampe sia al rodo di Sir Biss che le zampe non le ha ma le radici si.
    Pinuccia

  23. Ecco.. Da anni non vedevo la nebbia dalle mie parti, e men che meno in Milano Città. Stamane non si vedeva nulla in Piazza De Angeli!!! Boh!!! Canticchio mentalmente la canzone di Paolo Conte: il bicchiere di orzata..
    Buongiorno a tutti.
    Il primo nemico di Sir Biss sono io e vi spiego perchè.
    SirBiss ama l’inverno e ad ogni caldo anche tiepido comincia a “rompere” con: che caldo che fa…. ma si suda… ma io non ce la faccio più.. Non lo sopporto.. E verrà l’inverno eh!!
    Cose così…
    Quindi in inverno se solo si lamenta con un “che freddo….” viene minacciata! E infatti se ne guarda bene….
    L’invidiosa della primavera lacustre ebbene si.. sono ancora io. Io ODIO il freddo. Lo odio veramente.
    Ho pero’ apprezzato la gente in piazza, con i bicchieri cioccolata o vino caldo l’altra sera a Como, una Como. Una atmosfera magica che per qualche ora allontana i pensieri e fa tornare un po’ bambini.
    Mi piace la gente in piazza con il freddo. E’ più insolito.. D’estate è normale, ma in inverno meno

    Ecco a voi Como, la Città della Luce e dei Balocchi

  24. Sarò banale: a me non piacciono nè il caldo caldo,come l’estate scorsa, nè il freddo freddo di certe giornate invernali, quelle con la galaverna per intenderci.

    Spero di non essermi inimicata Sir Biss. Così sono fatta.

    Wow che luci. Grazie Celeste!
    Pinuccia

  25. Nessun nemico. Noi, gente di lago, siamo un pò chiusi ma molto amichevoli e comprensivi. Sarebbe brutto se a tutti piacesse la stessa cosa.
    Rodo non ha ancora sentito i rigori della stagione invernale e di nebbia, qui, ne abbiamo vista molto poca.
    Belle le luci di Natale a Como.
    Noi abbiamo il ‘famoso’ presepe sommerso che accoglie ogni anno numerosi visitatori.
    Un caro saluto a Celeste, Pinuccia e a tutti voi.

  26. Ho fatto vedere a mio marito le luci di Como: lui aveva fato il militare lì, mezzo secolo fa. Si è commosso mentre mi spiegava di quali scorci si trattasse.
    Grazie per questo ulteriore dono Celeste.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...