IL SOLE DOVE

iseo

(foto Luca: grazie 🙂
 

Ma dove va il Sole quando muore?-

– Non muore mai, il Sole. Si scioglie e si infila nella fessura dell’orizzonte.  Si insinua e poi si dilata, colma spazi, esplode e splende nella pancia della Terra. Solo che noi, che stiamo sopra la Terra, non lo vediamo –

– Ma allora anche le profondità si domandano se il Sole muore, quando noi lo vediamo sorgere?-

– È possibile che se lo domandino, le profondità della Terra. Ma Lei sa che torna, come noi sappiamo che torna.  Il grembo della Terra lo attende ogni sera, noi lo attendiamo all’alba –

22 pensieri riguardo “IL SOLE DOVE

  1. Per gli antichi il ciclo della vita era rappresentato appunto dal viaggio del sole che scadenziava (non so se si dice così) le stagioni della semina e del raccolto, della pioggia o della siccità, del fare e del riposare… e il sole che da millenni se ne sta lassù illumina con i suoi raggi questa terra colorata di blu

    Un sorriso 🙂

  2. Le persone sono come le vetrate. Scintillano e brillano quando c'e' il sole, ma quando cala l'oscurita' rivelano la loro bellezza solo se c'e' una luce dentro.

    E. Kubler Ross

  3. si lo so che sembra un… po' trucida, ma ha un sottile significato filosofico e mi venne detta da un personaggio insospettabile.
    Potremmo anche dire che:
    Il sole tramonta ma non lo sa. Siamo noi che tramontiamo ogni volta con lui.
    In realtà una parola può avere tanti sensi, dipende da quale parte la si guarda. 
    E così la "vetrata" il momento che diventa un aggettivo, cambia senso e diventa un elemento aggressivo, anziché trasparente.
     

  4. Che dite, gliela passiamo? Vabè, per stavolta calcio d'angolo, Pieffe: niente rigore…
    😀
    R

  5. Non cominciamo a sovvertire le regole dello stato di diritto! È stata promulgata una legge che dice che chi ha commesso un fallo da rigore in sul tramonto non è punibile perché le orecchie verdi si mimetizzano con l'erba del campo, e quindi che l'avversario antidemocratico e baro che non si doti di apparecchi visivi adatti all'uopo non solo non si vedrà riconosciuto la massima punizione, ma retroattivamente per tre secoli si vedrà assegnato il rigore contro! Quindi andranno rivisti di conseguenza tutti i risultati di detti campionati e proceduto ai doverosi atti di rettifica e di ridistribuzione di premi, auto di grossa cilindrata, veline e compensi agli arbitri compiacenti.
    Pieffe, ma lo vedi che casino hai combinato??? Te e la tu cartaavvetro! La prossima volta per piacere, apri uno scubacenter invece di una falegnameria.
    R

  6. Oh Ric: Notizia bomba.
    Son tornato or ora dalla casa di Cele.  Per cui ho ben altre cose per la mente che i rigori. Ormai sono stravolto
    LI, E'  TUTTO CELESTE!!!!  Mura, prato inglese, aiuole, rose, lenzuola celesti, pareti celesti: perfino i chiodi dove sono appesi i quadri l'hanno ridipinti di celeste (è vero, mica scherzo!!).
    Io, tutto verde come sono, scomparivo un po' fra le tappezzerie e manco facevo "pendent".
    E poi devo dire che la nostra Cele ha detto un sacco di pappole sulla casa spettinata. Ma che spettinata d'Egitto!!!.
    Ha tutto inscatolato e ordinato che neanche un feldmaresciallo di Francesco Giuseppe avrebbe avuto da ridire! 
    Perfino i detersivi sono messi in una cassetta in ordine di altezza decrescente, divisi per famiglie: lip con lip, dash con dasch,finish con finish e così via.
    Ho cercato disperatamente della polvere (vive in campagna e un po' ce ne dovrebbe essere). Ma ho scoperto Mastro Lindo terrorizzato sull'attenti vicino al lavello della cucina, che aspettava ordini mentre Smack brillacciaio era svenuto davanti al frigorifero per eccesso di fatica.
    Meno male che sono arrivato io, e le ho stropicciato un po' i copri-divano (quando si è allontanata portando via dei vassoi, protetti da controvvassoi antimacchie) e, con autentica voluttà, le ho fatto cadere sul parquet (sottoposto quotidianamente a tre tipi di lucidatura differenti) un sacco di briciole della colazione e, sotto il tavolo, anche due macchie di yogurth.
    Sssss, non glie lo dite!!

     

  7. Celeste….ma il pleiadiano come avrà mai vissuto con le sue sette mogli?
    Scommetto che le poverette dovevano stare tutto il giorno a pulire dove poi sarebbe ripassato lui a portare il caos!  E non si è mai accorto del lavoro delle poverette.
    Ma è vero che voleva parcheggiare l'astronave in salotto?
    So per certo che si è messo a suonare un aggeggio strano mandando strida e scricchiolii che lui definiva canti.
    Capisco il tuo stravolgimento.
    Tutta la nostra comprensione (mia e della lucertola, of course, a cui si aggiunge anche quella di Zar Zigulì).

  8. Ma no, Petula, è stato semplicissimo. Le tapine, dopo esser state gentilmente ospitate da Cele che rifaceva loro il letto tutti i giorni con la reversina identica a 28, 72 cm, le puliva con l'aspirapolvere anche dentro le orecchie,  le faceva mangiare alle 7,49 minuti e tre secondi (dopo di che c'è il coprifuoco) avevano avuto qualche scompenso. Hanno retto anche l'esperienza di camminare sui ciottoli senza mai pestare il prato ma quando Cele ha regalato loro sei tanga celesti col pizzo celeste inamidato, sono crollate. E quando mi hanno visto sono tornate gioiosamente a servirmi sull'astronave a pedali. Anzi, al momento una mi sta massaggiando le orecchie, un'altra i piedi, la terza mi sta preparando la tisana, la quarta il bagno caldo, e la quinta nun te lo posso di'. 

  9. …………..è li che tramonta il sole, in quella casa. Pieffe ma non hai visto i folletti?
    Carola

  10. ….folletti che vivono in sintonia in quella casa con la padrona di casa, che meraviglia! Ma che mastrolindo, dash e coccolino.

  11. Poverine, affette dalla sindrome di Stoccolma pure loro!
    Carola, gli elfi e i folletti della casa di Celeste si intuiscono anche dal suo blog, solo gli extraterrestri sono così ciechi!!

  12. In realtà le sei mogli di Pieffe non sono MAI tornate sull'astronave (tutte bugie). Sono state loro a sistemare la mia casa, avendo ormai la sindrome della casalinga perfetta in forma cronica e più acuta di quella di Stoccolma.
    Hanno pertanto voluto ricambiare la mia ospitalità con il solo modo che conoscono: pulire e ordinare.
    Poco prima dell'arrivo di Pieffe sono state opportunamente ricoverate presso una struttura protetta, schermata in modo tale che le orecchie di Pieffe non hanno potuto ricevere quelli (involontari) delle donne.
    È chiaro che lui non avrebbe mai potuto raccontare di essersene tornato con le "orecchio basse" e con la coda tra le gambe …  quindi restava la mia parola contro la sua se non si fossero  fatti avanti folletti e gnomi di casa e fatine, che si sono dichiarati disposti a sottoscrivere mediante firma digitale accreditata.

  13. Vedi Carola
    capita anche a me inviare i messaggi prima di terminarli.

    Volevo aggiungere che è stato un piacere avere il pleiadiano.
    È uno di quelle persone che trovi sia naturale avere lì, vicino al camino, sul divano o dietro il tavolo di cucina.
    Ecco.

  14. Petula
    Aspetto pure te, ovvio, con Zar Ziguli e la Lucertola: sarò lieta di mostrarvi il mio lago e magari anche l'altro (quello dove sta Sir Biss) che per altro ho rivisto oggi: verso il crepuscolo era coperto da una leggera e bassa nebbia, che lo rende un po' misterioso e sicuramente affascinante. Sembra acciaio liquido, con una copertina di zucchero ffilato.

  15. li ho visti, li ho visti i folletti!!! E anche gli gnomi. E c'era pure un elfo della terza generazione. E perfino un Troll nascosto sotto un albero. Oh, sarà una mia impressione ma, secondo me… era stato lucidato pure lui.
    Riguardo alle mogli credete un po' quello che vi pare. Di una cosa sono certo: sono tornate, sob.

  16. Grazie per aver parlato cosi' bene del 'mio' lago e grazie ancora per la tua  graditissima visita.
    A presto

    Sir Biss e il lago incantato

  17. Celeste, sarà per me un piacere venire sul tuo davanzale, anche per vedere i vostri laghi, ma io mi metto salvagente e impermeabile. In fondo sono una gatta!!

  18. Petula e SirBiss e Carola e Pinuccia
    Menomale ci sono anche le donne, qui.
    Difficile farsi capire da un uomo, a volte, figurarsi da un pleiadiano.

    PS i miei folletti non sono lucidati
    E poi … è la sola cosa che ha detto di loro…
    Nemmeno che sono belli. Soltanto critiche!

    Sir Biss
    Il tuo lago è splendido, da sempre. Non riesco ad immaginare come sia viverlo, quotidianamente, perché quando io vengo, è comunque tempo libero. Ogni volta che vi passeggio, ci si sente in vacanza e ogni volta penso: uscire la mattina, fare una colazione al bar, passeggiare un po' prima di pranzo, comperare il pane, il latte insomma piccole cose quotidiane ma in quei posti, parrebbe, a me, una eterna vacanza. Io che la mattina, come nella canzone di Lucio Dalla, scanso macchine e giornali, torno in fretta casa ecc ecc

    Petula:
    ti aspetto, anzi VI aspetto, con Zar Ziguli la lucertola ecc. C'è posto per tutti e, checché ne dica il pleiadiano, la mia casa è disponibile, aperta e calda. Tié.

  19. Dimenticavo:
    Saluti a Petula Ziguli e a quel tizio con le orecchie pelose (mah) da Paola e Stefano.

    PS Pieffe
    MI SONO DIMENTICATA DI FARE LA FOTO AL LORO GATTO ROMUALDO…. segue.. a breve. Promesso
    Zar Ziguli: avrai un nuovo… amico.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...