DOVE STAI TU

(foto dal web)

Chissà se anche dove sei tu c’è la neve, e chissà se sei felice, se c’è anche li l’arcobaleno qualche volta, dopo la pioggia e chissà se c’è la pioggia.
E il vento? Quel soffio a volte fastidioso e freddo ma a volte tiepido e piacevole come la carezza di una grande mano amica, c’è dove stai tu?
C’è quel profumo che si sente nei campi a primavera, e poi in estate, quando tagliano il grano, ma c’è il grano, dove stai tu? E ci sono i colori? Il giallo il blu, il verde, e poi il rosso il violetto, il bianco e il nero?
Mi piace immaginarti, mentre ti lanci ridendo da una collina innevata, sopra una tavola, oppure mentre corri dentro il mare, quella immensa distesa di acqua blu, verde e blu, e celeste, e incolore, e nera, a volte, che è il mare, l’oceano.
Come mi piace immaginarti sotto le stelle mentre guardi in alto chiedendoti di cosa sono fatte e se si possono toccare.
Ma chissà se dove stai tu c’è il mare e chissà se ci sono le stelle o se invece ti sono talmente vicine da essere specchio per i tuoi occhi.
Poi mi piace immaginarti dentro il cesto di una mongolfiera che naviga lenta, sopra i tetti colorati dei paesi del  mondo, sopra le cime innevate, sopra i ghiacciai azzurrini, le foreste smeraldo, i deserti d’ocra.
Sopra laghi color del turchese e laghi rossi di alga come donne d’acqua.
E mi piace immaginarti davanti a me, magari dall’altra parte della tavola a guardare i tuoi occhi attraverso un bicchiere di vino rosso, lo sguardo rubino acceso dalla fiamma di una candela e penso che sorriderei, contando le pieghe della tua fronte.
Ma chissà se dove stai tu esiste il vino, e il cibo, e poi una tovaglia di fiandra bianca con una candela bianca e chissà se esiste il fuoco.
E mi piace immaginare di avvicinare  la mia mano alla tua, prenderla con calma e guardare il palmo con attenzione, per sentire il calore che contiene e pensare che sarebbe la sola cosa che vorrei leggere, il calore. E portare tutto quel calore sul mio viso, lentamente, sino a sentirlo sciogliere nello strato piu’ profondo e poi sentirlo espandersi fino ai confini dei pensieri.
Chissà se dove stai tu ci sono i treni:  partono e arrivano e tornano e ripartono, contengono molte cose sai, i treni? Persone, oggetti, bagagli. Contengono storie, tante storie, contengono tante di quelle storie, i treni,  da poter essere scritte sopra tutta la superficie della terra ma non basterebbe.
Contengono il fiato, i pensieri, il dolore, le lacrime, le gioie le risate, l’umore intimo degli amori,  contengono le gocce del tempo. Le confessioni e una quantità infinita di rimpianti. Rimorsi anche, sì.
Ratei e risconti del Tempo. E chissà se esiste il Tempo, dove sei tu, e se sì, chissà se si misura. Qui c’è, un Tempo, anche se nessuno sa cosa sia. C’è un Tempo in polvere, un Tempo di acqua, un Tempo di cera, un Tempo di aria.
Contengono parole uscite dai libri: storie dentro le storie, i treni. E poi segreti, e delusioni. Amarezze, disperazioni. Contengono attimi impazienti, nostalgie. E le gioie dei ritorni. La fine della lontananza, la fine della guerra, il riposo del soldato.  Le fughe degli amanti, i pianti dei bambini.
Culle di pensieri sparpagliati dai finestrini lungo campi di grano che sfrecciano veloci e paesi di pietra immobili, attorno ai campanili. Contengono la stanchezza infinita dei vecchi con il capo ciondolante e le borse di plastica. Contengono gli odori, i profumi, quelli forti e quelli scadenti come ciprie del dopoguerra, e poi quelli delicati, quelli che si possono sentire solo dalle pelle: pori come scrigni.
Ma chissà se dove stai tu ci sono le strade ferrate, le stazioni, l’odore del ferro dei binari. E chissà se ci sono gli odori.
E poi mi piace immaginarti accanto ad un grande albero, con la schiena contro il fusto. Ma chissà se dove stai tu ci sono gli alberi, e chissà se c’è l’erba. Ci sono i grilli, le coccinelle? E la rugiada? Ci sono le api? Qui, dove sto io, senza le api cesserebbe la Vita, lo diresti mai?
Mi piace immaginare la tua voce, la voce è un’impronta, qui, lo sai? E’ uno strumento, produce parole, produce suoni, produce vibrazioni  a  vibrare anime e pensieri. Produce musica e sa stridere, offendere, sa umiliare. Sa penetrare in luoghi che nemmeno sai di possedere.
Sa essere melodia, sussurro, a sollevare peli della pelle, pensieri e sogni e respiri.
Ma chissà se dove vivi tu esistono i suoni e le voci e i pensieri.
E chissà se esiste qualcosa o qualcuno che ti leggerà questa lettera, e chissà se avrà un senso, questa lettera, lì, dove stai tu.

Annunci

10 pensieri riguardo “DOVE STAI TU

  1. Io credo che ci sarà sempre qualcuno che leggerà la tua lettera al destinatario, o forse la leggerà lui stesso, o forse la leggeranno i tanti destinatari a cui è consapevolmente o inconsapevolmente indirizzata.
    Quando si parla dall'interno di un onda gigantesca (anche se tu fai finta di avere i piedi sulla terra) le parole si sciolgono nel presente e restano solo le luci dell'anima. Per cui, come vuoi che un'Anima non ascolti un anima?
    Gajarda, Cele: stavolta mi sei proprio piaciuta
    Pieffe

  2. Si, penso anch'io che il destinatario della lettera la leggerà.
    Noi, viandanti, la assaporiamo in silenzio.
    Grazie.
    Pinuccia

  3. Una lettera simile l'ho nel cuore da 15 anni. Non devo spedirla, è lì scolpita e sono sicura che il destinatario l'ha già letta…ammesso che dove sta lui si "legga" un messaggio invece di percepirlo.
    auguri

  4. Impressionante.
    Pensieri assoluti, di cui trovo che solo una donna possa essere capace.
    Non si può non avere anche solo un ditino intriso nell'invidia, o nel rimpianto, di non essere, o essere, stato il destinatario di tali, quasi incomprensibili da quanto sono inebranti, pensieri.
    Prosit, Celeste.
    Riccardo

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...