SCATTI

stupore

 

Ti accorgi che cala la luce,
e senti che il cielo si copre di nuvole,
si alza un po’ di vento.
Accosti le due parti del golfino,
senti freddo:  frughi nella borsa alla ricerca di un foulard.
Guardi verso il cielo …. e … lo vedi così, il cielo.
Lo vedi così. Il cielo.  Il cielo diventa così … e tu sei sotto.
Non sai che dire non sai che pensare.
Perchè sai solo guardarlo, quel cielo .. che è così.

(foto mia, Canada 2008,)

Rientravo da un gita e stavo sopra una piccola barca; il mare era agitatissimo, lo stesso il mio stomaco. Stavo così da un’ora e mezza fissando le ginocchia cercando solo di resistere.
Scendo a terra pensando: ce l’ho fatta, sono ancora viva, mamma mia che momenti, grazie al cielo ce l’ho fatta. Lo guardo, il cielo, lo ringrazio, il cielo  … e lo vedo così, il cielo.
Rosa, un rosa antico che di certo poco prima era amaranto, un amaranto che non ha voluto separarsi dall’ultimo istante di luce bianca e vi si è mescolato, fuso in  un amplesso che ha prodotto questo rosa.
Come si può raccontare di un cielo rosa come questo?

Questa, per me, è la magia della fotografia. L’ “altra” magia. Perchè una magia è l’invenzione della fotografia. Come lo è premere un interruttore, accendere una lampadina che illumina una stanza.  Magia, se non si sa come sono fatte le cose.
L’ “altra” magia, quella che mi affascina, è quella che rende immortale un istante, lo sottrae al mutamento, ai tentacoli del tempo, alle sue mani invisibili che tutto toccano, trascinano e trasformano.
Inevitabilmente, inesorabilmente nel turbine dove girano tutte le cose forse per sputarle in un altro momento, in un altro posto, forse sopra altri piani  forse paralleli,  come eventi che accadranno.
Una magia che la mente non può: la mente conserva il ricordo dell’emozione, dell’immagine, certo, ma ne disperde i dettagli, dipana i contorni, confonde i tratti.

E poi la mente, l’umore, la psiche, il bisogno, sanno mescolare, edulcorare, contraffarre, mistificare, enfatizzare, svilire, sporcare o colorare, sbiadire.  Modificare, annichilire, annientare. Dimenticare.
Comunque sia, il  ricordo è assoggettato al Tempo, sempre lui,  il signore che passa nella mente a volte come vento in una stanza senza finestre, a volte portando con sè uno tsunami che passa sopra mente anima e cuore spazzando via tutto: immagini emozioni sensazioni di odori sapori, di tocchi di pelle, di cose, cose fredde calde bagnate umide morbide. Secche avvizzite soffici.
Alcuni ricordi si sciolgono nella nebbia di tanti ieri, si coprono della polvere delle soffitte della memoria, degli archivi delle cose passate, stanze cui dobbiamo ricorrere perchè tutto, tra le braccia della memoria, non ci sta. Si sa.
La fotografia compie questa magia. Ferma tutto. E’ anche qualcosa di inquietante, per qualche verso.  Ma magico. Soprattutto magico.

Quella nuvola a forma di leone, dentro quel cielo di diciannove, non si riformerà mai più. Quella bouganville, che era fiorita il 14 agosto 2010 non fiorirà mai più di quei fiori: saranno altri a fiorire da quella pianta, ma mai più  “questi” fiori.
Quel piccolo di rondine di cui parlai un mese fa qui in Controluce,  lo posso vedere tra un anno, tra cinque, tra dieci anni e sarà sempre un piccolo di rondine poco prima del suo primo volo.
Un istante prima di quel volo.
Una sola fotografia è indelebile e immutabile nella mia mente, la sola che non è scattata da alcuna macchina: è  il viso di mia madre, un viso senza rughe.
L’ho scattata un istante prima che i suoi occhi, azzurri, spegnessero la luce nella stanza e dentro me.
Nell’istante preciso in cui l’espressione più tesa che avessi mai visto si trasformava nell’espressione più serena che io avessi mai visto. Lo scatto è qui, a riparo dal Tempo, dalla luce e dagli occhi degli altri. Conservato in una stanza dove non passa il vento, dove non ci sono finestre, non c’è polvere, non c’è nebbia.

Non c’è Tempo che passa quindi non c’è mutamento.   Ma è  il solo scatto che ho così. Per me.

..ooOOOoo..

 contrasto

E ti direi anche che ti aspetto, anche se non si aspetta chi non può tornare.
(Antonio Tabucchi:  “Si sta facendo sempre più tardi”)


 “Foto Celeste, agosto 2010, Sibenik, vicoli dietro il porto”

Annunci

11 pensieri riguardo “SCATTI

  1. Te l'ho detto cento volte: smetti di buttare il tuo tempo dentro un ufficio, oppure limita quel tempo senza senso. E vattene in giro, a fotografare cieli rosa e porte sgangherate. Tu riesci a passare attraverso sia gli uni che le altre, e così,  invece che celeste…diventi rosa.Pieffe

  2. Pieffetu avrai ragione ma se io non "butto il tempo qui dentro" saro' un arcobaleno.Una Celeste mutante in rosa con conto in rosso e portafoglio verde.Resteranno immagino immutati il bianco e il nero, rispettivamente delle notti e degli umori.bacini

  3. Trovo molto vere le parole di Gil,quando la luce è dentroquello che facciamo fuori,apparente ostacolo,può addirittura esaltarne la sostanza;grazie a entrambi   un amico-amica

  4. Celeste ha questo dono prezioso di farci vedere spicchi di realtà bellissimi che altrimenti ci sfuggirebbero. Potrebbe fare delle sfilate di moda con finestre scrostate, porte scardinate, barche ormeggiate e sedie in attesa e le farebbe apparire tutte come bellissime donne ammantate di mistero.Celeste, devi organizzare assolutamente una mostra fotografica, sono troppo belli questi tuoi "istanti" fotografici.Gil, se quei lampi colorati fossero risultato di gestazioni d'ufficio di Ori dubito che il loro colore sarebbe rosa.E ora scusate, ma devo andare a vedere dov'è finita la padrona di casa!Fusa

  5. Non per essere di parte…….ma il cielo rosa è bellissimo e soprattutto è stato fortunato in quel momento (il cielo) ad essere entrato nel tuo obiettivo.Carola

  6. La nostra Ori ci fa sognare.Chissà perchè quando ho visto questa foto mi sono venuti in mente i versi di Omero: la bella Aurora, dalle dita rosee,lasciando il mare, sale in oriente.Per ora godiamocela noi, poi il giorno in cui deciderà di mostrare le sue "creature" a molta più gente, noi tutti saremo lì a tenerle la mano per darle coraggio. Perchè quel giorno forse verrà, ma sarà quando Ori sarà pronta.Commentando stavo scrivendo le stesse cose che ha scritto Petula, sulle barche, le porte, le sedie. Che sia che frequetando gli stessi posti ci si contagia a vicenda? Se si grazie del contagio.Bacio. Pinuccia

  7. Ron, ron, ron, ron, ron, ron, ron, ron…………PetulaIn francese esiste il verbo ronronnner che forse è più onomatopeico.Noi ci facciamo le fusa e va bene lo stesso.Pinuccia

  8. Eccomi.Grazie di cuore a chi ritiene belle le mie fotografie.Io mi riconosco soltanto un po' di "bravura" nel cogliere le "cose".Niente altro.Poi non è difficile fare fotografie con la macchina digitale e automatica: fa tutto da sola.Una mostra fotografica non la farei mai. Non sè il mio mestiere, non so nulla di fotografia. Io pigio un bottone e stop.La fotografia del cielo rosa qui pubblicata è davvero sbalorditiva, ma lo era il cielo, sbalorditivo.Oggi è facilissimo ottenere una foto così: non servono nemmeno i filtri, basta il photoshop.Difficile è, invece, trovare un cielo come quello. Io non lo avevo mai visto prima, un cielo così e non l'ho più rivisto.Ne ho visti tanti, forse anche più belli, striscie di arancione e nero, e giallo e celeste e bianco da togliere il fiato.Ma un "quasi tramonto"  così, fucsia, no… non lo avevo visto mai e sono contenta che la foto gli ha reso giustizia.Grazie a tutti

  9. A onore del vero,non dietro tutte le macchine ci sono occhi,  mente,  cuore, luminosi;Bellissimo  poterlo condividere con chi vuoi,non importa se pochi .Immagino sicuramente tu porterai nel tuo ufficio i colori della tua vita -animae non l'ufficio in questaed è "magia" anchela complementarietà che te ne ritorna .    un amico-amica

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...