SE CI SEI

AVrei
Qualche film da rivedere
Una città dentro la quale tornare
Un silenzio da Ascoltare
Passi nuovi da lasciare sopra vicoli dorati di densa luce da leccare.

ci sarebbero
Un prato di stelle da Guardare sotto il quale Respirare
Un libro da sfogliare
Locomotive da visitare
Un viaggio da immaginare
(l’Orient Express su cui cenare?)

(Storie da raccontare l’Apollo da ricordare orologi da rianimare finestre da trovare una macchina da costruire sogni da gettare piante da piantare pochi minuti prima delle sette e diciannove cani da salvare sotto un albero da trovare un prato da dissetare e velocità lungo le quali ci si deve solo fidare)

Avrei
Parole da pronunciare, altre da ascoltare
Carezze da spalmare
Morbide Finestre da spalancare
Respiri da respirare dentro Respiri da catturare.

ci sarebbero
una serata di pioggia sotto la quale Passeggiare
Un bicchiere di vino da Sorseggiare
Parole che non ho detto da Sussurrare.

E foto da scattare,  occhi in prestito a immortalare. Eternità da consegnare. Rughe da fermare. Immortalità da dispensare, altre da esorcizzare.

ci Sono 
Muri da abbattere e altri da Assecondare
e altri ancora contro i quali ri-tornare
Cattedrali da violare
Pregiudizi da demolire in Verità da confessare dentro Silenzi da pronunciare
(Silenzi bagnati di assenze di Rumori, banalità da sconfiggere, scontatezze da bruciare, noia da annientare)

E poi : vestiti da calare sopra Lacrime da liberare (acido a sciogliere sbarre da eliminare)  Confini da allargare. Corridoi dentro i quali provare a passare senza sentire male. E poi c’è da ridere, giocare, assaggiare, correre, bere, riposare, sbagliare, viaggiare per tornare. O tornare per viaggiare.


( ….. per caso hai qualcosa  di importante da fare?)

.

21 pensieri riguardo “SE CI SEI

  1. Ma che onore!!!!
    Grazie della pubblicità e delle parole.
    Bello l’ultimo verso… Tornare per viaggiare… in fondo un viaggio è tale se c’è un ritorno e quante cose si vorrebbe fare e si fanno… si viaggia e poi si torna… e si ricomincia il ciclo della vita
    un sorriso 🙂

  2. ……. noi seduti sdraiati impacciati
    ….. deserto lontano miraggio
    ……… amanti soltano accennati …
    lo amo? .. . chissà forse…
    forse sì…
    Lorenzo lo sa. Credo. Forse anche Ulisse … E forse anche te.

    Ciao Cele .. scusa l’ermetismo ma tu sai leggermi.

    Stella

  3. Ciao Cele…
    con la tua musica sembra mi leggi dentro l’anima..
    Anzi, di sicuro è cosi. Tu mi conosci bene e .. anche se passo spesso lascio poche tracce di me, in Controluce.
    Una casa speciale dove depositare anche i sogni, i desideri.
    E magari anche quelle promesse che non contengono vincoli ma la cosa piu’ bella: desideri condivisi.
    Messaggi che vengono da quei giardini interiori di cui a volte parli, qui in controluce e a me direttamente.
    Luoghi in omba, umidi, protetti dal folto delle felcii, dove c’è, come dici tu, odore di buono.
    Ciao Cele … scrivo sempre piu’ uguale a te.

    Stella

    PS
    Qui, a casa di Lorenzo c’è un sacco di cose… Penso di restare e sarebbe bello se volessi aprire questa porta e comparire.

  4. Ciao Stella.
    Si, con la musica si può parlare. Poi occorre raccogliere, capire. Sentire con le orecchie giuste fare arrivare tutto al cuore senza contaminazioni.
    So che a casa di L. ci sono odori speciali, misteriose trame e intrecci, odori sapori antichi ti tengono lì. So anche che in certi luoghi si resta finchè il Tempo lo decide e so che tu sai ascoltare il Tempo.
    Ciao S.
    Cele

  5. Una città dentro la quale tornare…
    Si può fare, si può fare…
    Un bacio dolcezza
    QuaQua

  6. * . * . . * * .* . * .** *
    * *.* * * **.* * * *
    * . * . ** . * . * .
    * *. * **. *
    * . *
    * . *. *
    Ma quanto mi garba questa canzone …… Ma quaaaaanto !!

    . ** . *. .***.
    * * .. *

    Si può fare, si può fare
    si può prendere o lasciare
    si può fare, si può fare
    puoi correre, volare.
    Puoi cantare, puoi gridare
    puoi vendere, comprare
    puoi rubare, regalare
    puoi piangere, ballare.
    Si può fare, si può fare
    puoi prendere o lasciare
    puoi volere, puoi lottare
    fermarti e rinunciare.
    Si può fare, si può fare
    puoi prendere o lasciare
    si può crescere, cambiare
    continuare a navigare.
    Si può fare, si può fare
    si può prendere o lasciare
    si può fare, si può fare
    partire, ritornare.
    Puoi tradire, conquistare
    puoi dire poi negare
    puoi giocare, lavorare
    odiare, poi amare.
    Si può fare, si può fare
    si può prendere o lasciare
    si può fare, si può fare
    mangiare, digiunare.
    Puoi dormire, puoi soffrire
    puoi ridere, sognare
    puoi cadere, puoi sbagliare
    e poi ricominciare.
    Si può fare, si può fare
    puoi vendere, comprare
    puoi partire, ritornare
    E poi ricominciare.
    si può fare, si può fare
    puoi correre, volare.
    si può piangere, ballare,
    continuare a navigare.
    Si può fare, si può fare
    si può prendere o lasciare
    si può fare, si può fare
    puoi chiedere, trovare.
    Insegnare, raccontare
    puoi fingere, mentire,
    poi distruggere, incendiare
    e ancora riprovare.

  7. ehmmmmm .. Buongiorno a tutti.
    Qui Celeste dai microfoni di Controluce (dopo tre gin tonic direbbe qualcuno).

    Ma udite udite.. non bevo piu’ nemmeno un caffè.
    Fatta eccezione quello Sacro delle 6.30 (senza il quale i mei piedini si rifiutano di scendere dal letto).

  8. GIL !!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un abbracciooooooo
    Mi allungo le baccia…. perchè devono essere lunghissime per arrivare fin li’ !!!!!!!!!!!!!!!!
    Grazie di esserci!
    A prestissimo…
    PS io ci sono …metà ottobre e fine novembre.. And you?

  9. Miracoli circolari….
    Riccardo che arriva per Petula
    E petua ora per cosa sarà arrivata?
    Anche lei per Gill..
    Vuoi vedere che ora aprendo Controluce si sente l’odore di violetta?

  10. Gill
    se decidessi di tornare… ehmmmm … da controluce e il mulino, un appuntamento al posto dell’altra volta? diciamo nella seconda metà di ottobre … O anche di novembre? Che dici?
    Avrei bisogno (ancora) di un paio di cavalieri, la sera, per …. rientrare? Le belle serate e i pensieri delicati … restano piacevolmente nella memoria.
    Ciao

  11. faro’ volentieri da cavaliere tra passi lenti e pensieri delicati, ma non prima di febbraio, quando rientrero’.
    un abbraccio grande grande a te, a Petula, a Franci e a PF (il gomito dx sfiora la cara vecchia Uruk e si bagna nel mar nero, l’ascella dx urta le cime dell’Himalaya, il braccio sx passa per l’Egitto e attraversa il Mediterraneo…)
    Gil

  12. PS Gill
    Potrei perfino considerare uno .. scambio di ruoli.. Io ti accompagno al tuo albergo, dandoti il braccio con passo leggero e delicato e con la mitica orecchietta dall’altra parte.
    A Milano .. ma anche a Roma… Il “senso” sta ovunque, no?

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...