BORGES NEL CIOCCOLATO

Nelle nostre vite esistono persone che ci rendono felici per la semplice casualità
di averle incrociate nel nostro cammino.
Alcune percorrono il cammino al nostro fianco,
vedendo molte lune passare,
altre che vediamo appena tra un passo e l’altro.
tutte le chiamiamo amici e ce ne sono di diversi tipi.

Forse ogni foglia di un albero rappresenta uno dei nostri amici.
Il primo che nasce da un germoglio è il nostro amico papà
e la nostra amica mamma che ci mostrano come è la vita.
Poi vengono gli amici fratelli, con i quali dividiamo il nostro spazio
perchè possano fiorire come noi.
Passiamo a conoscere tutta la famiglia di foglie che rispettiamo
e alle quali auguriamo ogni bene.

Ma il destino ci presenta altri amici,
che non sapevamo di incontrare nel nostro cammino.
Molti di loro li chiamiamo amici dell’anima, del cuore.
Sono sinceri, sono veri.
Sanno quando non stiamo bene, sanno ciò che ci rende felici.
E a volte uno di quegli amici dell’anima
si installa nel nostro cuore
e allora viene chiamato innamorato.

Questo amico da luce ai nostri occhi,
musica alle nostre labbra, salti ai nostri piedi.
Ma ci sono anche gli amici “del momento”, di una vacanza,
di alcuni giorni o di alcune ore.

Sono soliti collocare molti sorrisi sul nostro volto,
per tutto il tempo in cui siamo vicini:
Parliamo di quelli vicino, non possiamo dimenticare gli amici lontani,
quelli che sono nella punta dei rami e quando soffia il vento
appaiono sempre tra una foglia e l’altra.

Il tempo passa, l’estate se ne va,
l’autunno si avvicina e perdiamo alcune delle nostre foglie,
alcune nascono un’altra estate e altre resteranno per molte stagioni.
Però ciò che ci rende più felici è che quelle che sono cadute continuano vicine,
aumentano la nostra radice con allegria.
Sono momenti di ricordi meravigliosi
di quando le incontrammo nel nostro cammino.

Ti auguro foglia del mio albero, pace, amore,
salute, fortuna e prosperità.
Oggi e sempre…semplicemente perchè ogni persona
che passa nella nostra vita è unica.
Sempre lascia un po’ di sé e si porta via un po’ di noi.
Ci sarà chi si è portato via molto, ma non ci sarà mai
chi non ha lasciato nulla:
Questa è la più grande responsabilità della nostra vita
e la prova evidente
che due anime non si incontrano per caso.

(Jean Louis Borges – L’Albero degli Amici)

Purtoppo è stata usata un po’ come alcune frasi nei baci perugina. Sono state fatte presentazioni in power point, è girata attraverso e mail come le solite catene di S. Antonio del tipo: manda questa e mail a dieci amici entro 24 ore etc etc. Peccato quando vengono banalizzate delle cose stupende. Ma accade, anche nella vita.

19 pensieri riguardo “BORGES NEL CIOCCOLATO

  1. Grande Borges, anche nei baci perugina.
    Però, nell'”Albero degli Amici” doveva essere in uno dei suoi momenti di maggioreottimismo.
    In effetti gli “amici” passano sulla nostra anima e vi lasciano una traccia, sempre: a volte come quella di una piuma, a volte come quella di un aratro.
    Pieffe

  2. RIFLESSIONE .. “post .. post”

    Pero’…. pero’
    vero è che i cartigli nei baci perugina aiutano a portare qualche pensiero a chi non legge e magari, chissà, costituire dei piccoli semi: un’occasione per qualcuno di approfondire qualche frase che resta impressa, o desta curiosità.
    Intendo dire che qualsiasi tentativo di divulgare qualcosa di bello anche tra chi non ha mai aperto un libro è benvenuto.
    Resta la scelta e ….. il rischio.
    Frasi come “Un bacio è un apostrofo rosa tra le parole t’amo” detta così puo’ far chiedere “chi è l’idiota che lo disse’” ..
    Eh…. l’idiota è Cyrano de Bergerac….
    E, se è ha qualche fondamento la considerazione di prima, quanti NON leggeranno mai Cyrano de Bergerac?

    Uhmmmmm

  3. La divulgazione è il contrario della cultura.
    Nel senso che quando qualche “pensiero” speciale viene enucleato dal contesto in cui è nato cade inevitabilmente nel banale, nello sciatto. Così come al povero bacio di Cyrano.
    La ricerca del minimo comune multiplo dell’intelligenza è uno dei tanti modi per diventare democraticamente scemi.
    Ecco quest’ultima frase la possiamo mettere su un bacio Perugina. a cedo gratis.
    Pieffe

  4. Pieffe a volte riesce a dire le stesse cose che dico io, dopo colazione. Solo che io mangio cose banalissime come yogurt, cereali e caffè. Lui ingoia puntine da disegno (lo ha detto petula quindi è vero). Quando ha bisogno di qualcoosa di forte passa ai chiodi, tant’è che l’altro giorno lo cercavo e lui continuava a non rispondere. Per farlo arrivare ho dovuto usare una calamita. E ci sono riuscita.

  5. ps
    Pieffe
    quando saro’ a Roma farò colazione con Gil (lui come me ama caffè e cornetti) o con Franci…
    Non chiederti perchè…

    ps2
    Ma a cena cosa pensi di offrirmi?

  6. Sul fatto che vengono banalizzate cose stupende, hai perfettamente ragione Cele! E nella vita reale….bè ci pensa lui Cupido! e fa piazza pulita… e/o rimette in ordine ogni amore…. mah! Non ho mai capito se Cupido uccide amori sbagliati o…cosa? *_^
    Ah..Pieffe, ecco perchè nn trovavo più la calamita per attaccare le farfalle….l’aveva presa Cele…….
    Siete, incorregibili voi due! vi vi bi
    Carola

  7. Celeste,ti posso dire la verità? poesia di Borges non mi piace! Mi sembrano quelle filastrocche stile Mulino Bianco e non ci riconosco l’autore. Oramai mi sono quasi abituata ai commenti al vetriolo che girano sul blog (indovina da parte di chi…) che cotanta melassa non muove neanche una vibrissa.
    Comunque Celeste, preparati che ti faccio conoscere tutte le gattare di Roma!

    Petula (versione montanara con alpenstock e niente avatar)

  8. Ciao Petula.Bello averti qui, anche in versione montanara.
    Certo che puoi dire quello che pensi… Controluce è .. contromano, controvento, controcorrente …
    I commenti al vetriolo che restano impassibili alla melassa…. ehmmmm sono per caso quelli di un paio di orecchiette?
    Un bacio

  9. Carola
    Cupido (Eros) è il dio dell’amore e fa innamorare le persone.
    Purtroppo non mi risulta che ci sia un Dio che uccide amori sbagliati… Se ci fosse mi sa che avrebbe un gran daffare (sai che moria?).
    Inoltre sarebbe stato condannato all’esilio da un programma varato dall’ Ordine degli Avvocati, dall’Ordine degli psicologi e da quello dei Consulenti di coppia.
    Messo agli arresti domiciliari, il Povero Dio degli amori sbagliati avrebbe gridato invano a Cupido attraverso le sbarre di una finestrella “dammi retta fatti i cazzi tuoi” per tutte le notti fino alla fine del mondo.
    Cupido avrebbe continuato a lanciare le sue frecce e condannare gli umani a ………….
    A innamorarsi…..
    Innamorarsiiiiiiii e non puo’ essere diversooooooo
    Innamorarsiiiiiii
    Innamoraaaaarsiiiii Innamorarsi….
    Scoprire il sesso ed ubriacarsiiiiiii
    e quasi a morsi
    innamorarsiiiiiiiiii
    Innaaaaamorarsiiiiiiii

  10. allora: Un certo settore della psicoanalisi considera l’innamoramento alla stregua di una malattia.
    Riguardo a Cupido bisogna tener sconto che ce ne sono due: Uno si chiama Eros e l’altro Anteros. Uno è figlio di Venere Urania e scaglia le frecce con una certa attenzione: L’altro, figlio di Venere Pandemia, è un fautore del principio “‘ndo’ cojo cojo”. Meglio non averci a che fare: Uno, poi, rischia di cantare: “Innaaaamorarsiiiiiii”
    Pieffe
    (ho mangiato solo tre puntine)

  11. Pieffe ha scovato una trattoria sotto casa sua dove c’è un ricco menu’ di viti bulloni e rondelle a prezzi modici…..
    Che abbia cambiato dieta?

  12. Ci si innamora dei tuoi occhi chiari e del tuo sorriso senza alcuna freccia, senza archi, senza intercessioni.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...