IL CAVALLO E LA BAMBINA

cavallo

Ieri pomeriggio ho accompagnato mia nipote (5 anni e mezzo) ad una lezione di equitazione, la seconda della sua vita.
Lei ama i cavalli da sempre: i suoi primi giocattoli sono stati cavalli.
Una passione per nulla ereditata; la sua mamma ama tutti gli animali e, certo, ha accompagnato la sua bimba in questo mondo attraverso racconti, documentari, immagini e spiegazioni, ma non ha mai praticato questa disciplina, a differenza dello sci che invece ama, fin da piccola.
Passioni, attitudini, amori, sono insiti nella persona, evidentemente, e prescindono da condizionamenti, emulazioni o trasmissioni tant’è che la bambina scia pure, ma niente a che vedere con l’amore per i cavalli.
Vero è che il cavallo fu il primo animale che lei vide e toccò dopo Benjamin, il gatto di casa: abitando non distante dall’ippodromo di San Siro, nelle passeggiate con nonno e passeggino, capitava spesso che qualcuno avvicinasse a quella piccina dagli occhioni celesti sgranati dietro il recinto, un musone da accarezzare.
Fatto sta che ieri, fuori dal recinto, assistevo a qualcosa di speciale, un rapporto tra cavalla e bimba dal quale il resto del mondo non poteva essere compreso.
Sì, lei era in un mondo lontano, dove c’erano soltanto la cavalla e le istruzioni, quasi sussurrate, dall’istruttore; quelle manine che toccavano ora la testa, ora l’attaccatura della coda dell’animale e quegli occhi celesti a volte semichiusi per meglio stabilire una sintonia tutta speciale e unica, escludevano qualsiasi rapporto con  il mondo circostante; era evidente che la piccola attraverso quel contatto così sensibile con l’animale, era entrata in una dimensione di emozioni e di consapevolezza di sé, dove ogni piccolo gesto, ogni movimento appena percettibile, stabiliscono un dialogo, e una esperienza profonda e unica tutta loro. Ed era uno spettacolo assistervi.
Questa magia si protrasse anche dopo, fuori dal recinto, quando seguì una ragazza addetta al maneggio e l’aiutò a dissellare la cavalla e a sistemarla.
Seguii la ragazza e mia nipote nella stalla e solo al suono della mia voce la bimba trasalì e strizzò gli occhi come se fosse stata richiamata alla realtà; mi sorrise e disse: zia andiamo a vedere gli altri cavalli?  Sì patata, andiamo a vedere gli altri cavalli.

7 pensieri riguardo “IL CAVALLO E LA BAMBINA

  1. Tempo fa qualcuno mi disse che esistono rapporti, quali possono tra madre-figlio, marito-moglie cui si istaurano dei legami nei quali chi ne è al di fuori, nemmeno entrando in “punta di piedi”, ne può carpire le sfumature, le vibrazioni di quel filo così sottile, invisibile ma così forte e duraturo che li unisce nel tempo all’infinito. Così come la bambina e il cavallo che accomunano una notevole e costante capacità di percepire quelle “parole” che nn si dicono con semplice gesti, con semplici sguardi.
    E’ un amore che nasce dal “di dentro” e chi ne sta al “di fuori”…..
    nn capisce proprio un c….avolo!!!!
    “Quel qualcuno” ha proprio ragione.
    Un abbraccio Cele.
    Carola

  2. Si, può accedere. Un animale può capire un bambino: è più diretto e semplice, più simile a lui. Un adulto interpreta un animale. Resta il “le” e spesso perde l’ “anima” .
    Pieffe

  3. Non sono mai andato a cavallo ma ricordo ancora quando tanti anni fa nel paese di mia madre mio ziomi mise in groppa a un asino. Questo ricordo vive in me così nitido come se fosse accaduto ieri, credo di poter capire la forte emozione di tua nipote che spero non rimanga unica come invece fu per me. Un abbraccio e buona serata. Pietro.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...