ALCHIMIE

2006410145121_5334Sto lavorando anche il sabato, in questo periodo di intenso lavoro e di scadenze.
In questi ultimi tre anni, successivi la morte di mio padre che ha segnato la separazione definitiva con la mia famiglia di origine, sottolineata anche dalla vendita della casa dove ho vissuto per molti anni, si sono mescolati, dentro di me, alcuni elementi passando da alambicco in alambicco: misteriose alchimie e nuova linfa per anima mente e cuore.
Questi eventi non significano "cambiamento", specie se non si verificano in tenera età, bensì una differente colorazione, o per meglio dire “sfumatura” delle lenti attraverso le quali vediamo la vita e una diversa sensibilizzazione dei sensi con i quali annusiamo i giorni.
Ad ogni evento significativo quali separazione, nascita, trasferimento e via dicendo, essendo noi creature in continua evoluzione, credo che abbia luogo un processo interiore che, silenziosamente e profondamente apre finestre e finestrelle, avanza,  magari al buio, scavando dei piccoli o grandi tunnel nelle profondità dell’anima, e man mano porta alla luce piccole cose sepolte, tesori o sofferenze, colori, caleidoscopi e odori. Strumenti per capire, conoscere, imparare, guardare.  E anche alcune risposte. Il nostro archeologo personale e interno che lavora per noi si mette all’opera, si desta dal tranquillo dormiveglia quotidiano e si rimbocca le maniche.  Ed ecco che la scala dei nostri personali valori e anche quelli dei nostri credo, cercare un nuovo ordine, un ordine che tenta di seguire quel filo che può sbrogliare un pezzetto di quella enorme matassa di cui siamo fatti.
Alcuni la chiamano “elaborazione” e il termine rende l’idea: un computer che deve provvedere ad ingoiare nuovi dati e aggiornamenti deve conglobare cose nuove, far spazio e riadattare ciò che ha già dentro, si dice che deve “elaborare”.
Questi processi misteriosi, queste alchimie della mente, queste forze in grado di spostare anche grossi massi che sono le nostre convinzioni, scardinare serrature chiuse e ruggini, conducono a riconsiderare alcune cose della vita,  e  possono influire, accelerare o farci abbandonare alcune scelte, magari lasciate in sospeso, congelate o rinviate. Dilatano aspetti del nostro vivere, scompongono alcuni insiemi in elementi semplici in modo da poterli analizzare separatamente oppure collocarli nel magma della nostra esistenza.
Eh… A me è successo nei confronti del lavoro. Ho sempre amato il mio lavoro, per quanto a molti potrebbe sembrare strano che un lavoro crudo come il mio, fatto di bilanci, di numeri, di tasse e di relazioni, di perizie, di revisioni contabili, di verbali , di quote e di azioni, patti sociali, stragiudiziali, accordi, transazioni, contratti,  possa essere amato.
Nel mio lavoro non si crea quasi mai, quasi sempre si applica qualcosa che qualcuno ha decretato.  Non si scappa. La Legge è Legge.
Il mio capo, sull’ immaginetta Skype ha scritto una frase molto eloquente, di Aristotele “ La legge è ragione senza passione”. Niente di più vero e nessun’altra parole va aggiunta.
Se avessi 20 anni si potrebbe parlare di crisi di crescita.. Però è anche vero che la crescita è continua, la coscienza sempre in movimento allora sebbene abbia più del doppio dei 20 anni forse sto crescendo.
Il mio compagno dice che la mia è una "involuzione". E che gli piace un sacco.
Comunque sia, sta di fatto che negli alambicchi della mia vita interiore, i liquidi dai colori e dalla composizione ben definiti, si stanno mescolando in un equilibrio niente affatto instabile, ma differente.  Si formano nuovi colori e nuove chimiche, nuove sfumature, nuances inedite.
Io sono capra, molto capra e chi ha avuto modo di “apprezzare” questa mia caratteristica, sorriderà nel leggermi. Ma adesso sono meno capra di prima. Chissà .. forse su quelle montagne aride sotto il sole sulle quali ho arrancato con tanta perseveranza per tutta la mia vita con tanto impegno e ostinazione, si sono addolcite lasciando spazio a qualche altopiano verde e fresco dove ogni tanto mi lascio accogliere senza pensare alla fatica che seguirà il giorno dopo. O forse i grandi prati verdi a intervallare i sentieri pietrosi ci sono sempre stati ma io … stavo ben attenta a girare al largo.
Vuoi vedere che ho imparato davvero ITACA, la splendida poesia di Kavafis?
Mah .. Credo che chi nasce capra non può morire farfalla, però adesso, nonostante abbia una montagna di cose da fare in casa, camicie da stirare, e il salotto che pare un campo dopo la battaglia, vado a prendere il sole in giardino. Sono già appassite le peonie e ancora non le ho viste.
Stanno sbocciando le roselline rosa, i gerani sono di un rosso violento, le ortensie sono cespugli giganteschi e il sole è limpido, il cielo terso, di un azzurro perfetto, il mio prato odora di erba tagliata ieri e anche le piante di ibiscus mi chiamano: vanno liberate dalle dispettose campanelle rampicanti.. C’è da fare… E molto. Fuori, però. Vado.

45 pensieri riguardo “ALCHIMIE

  1. Infatti Gill… Il tuo acume ha colto immediatamente il messaggio: chi nasce capra non muore farfalla…. Io fuori a prendere semplicemente il sole senza sentirmi in colpa? Mah.
    Un bacio grandissimo… e … bè.. che dire? Speciale la tua capacità di leggere… Ciao

  2. Ori, sottoscrivo in pieno il post anche il fatto che le capre non diventano farfalle…ma possono diventare flessuose…gatte, sei sulla buona strada!
    Gil, secondo me, lavorare fuori è la conditio sine qua non per lavorare dentro…e troppo giardinaggio devi fare per coltivare bene la tua pianta!!

  3. Hola Petula…
    L’alchimia ha anche trasformato Celeste in Ori….
    D’altra parte è il lavoro degli alchimisti …. Pero’ è uscita bene!!!
    Se sono sulla buona strada lo vedremo… Mmmaahh.
    .
    Gill
    quale pianta stai coltivando?
    E’ LEGALE?????

  4. MMh. credo di aver capito.
    Però, credo anche che bisogna stare molto attenti a non passare da un classificatore all’altro. Uno magari si immagina di aver fatto chissà quali rivoluzioni e invece sta semplicemente rimettendo in ordine i calzini nel terzo cassetto a destra.
    Su nelle Pleiadi non abbiamo archivi; non cè neanche l’anagrafe anche perché ognuno di noi, se vuole, può cambiare nome più volte al giorno.
    Pieffe

  5. Pieffe
    Celeste non ha fatto alcuna rivoluzione. Semplicemente alcune cose forse a seguito di alcuni eventi o forse semplicemente a causa del Tempo, assumono contorni differenti.
    A volte meno netti a volte piu’ netti.
    Nessuna rivoluzione.
    Io non credo alle rivoluzioni, a questo tipo di rivoluzioni. Non si decide a tavolino come essere domani. Come non credo ai buoni propositi. Per ogni cosa ci va il tempo. E il suo corso naturale.
    Le persone non cambiano. Forse con il Tempo imparano o limano le parti grezze.
    Mangio sempre il sale, da buona capra, e giro sempre con la testa infilata negli anelli di Saturno.
    Non c’è niente da fare…
    Ma si impara a volersi piu’ bene, se non altro rende piu’ bella la vita.

    come dire?
    tutto cio’ che non uccide rende piu’ forti.

  6. E’vero Pieffe ,potrebbe trattarsi anche solo di rimettere al loro posto vecchie paia di mutande oppure di eliminarle del tutto , il che , forse si equivale , su certi piani …..su altri no .

    un grillo parlante muto

  7. vero, ad una certa età o per eventi magari minimi i valori nei quali si è sempre fatto riferimento vengono alchimizzati e occorre ricostruire dentro qualcosa, vecchie convinzioni non bastano più e si deve riscostruire, nuove consapevolezze ci cambiano lentamente.

    sono con te, #8. In tutto.

    ma è bello e importante così.

  8. Pieffe… ehmmmmm io avrei:
    – un orsetto di peluche
    – gatto silvestro in versione imbottita
    – una barbie vestita da sposa
    – cappuccetto rosso con treccine mancante pero’ di una scarpetta
    – una scarpetta ma non è di cappuccetto (sarebbe troppo facile) forse è di una qualche cenerentola sfigata
    – la strega di biancaneve
    – bianconiglio in versione tascabile
    – quattro dei sette nani
    – paperino (topolino no, è troppo intelligente)

    Ma la mamma no…
    C’è qualcosa che ti puo’ interessare Fammi sapere.

    Branz
    Una buona settimana e grazie del passaggio.

  9. Gli ori e gli argenti delle nostre alchimie sono ancora un po’ lontani dalla nostra portata, ma magari nel rimettere a posto i cassetti potremmo scoprire con stupore che quello che pensavamo il posto dei foulard era invece quello delle mutande…ma anche questo avrebbe una sua ragione d’essere…come si dice? Come in alto così in basso!!

  10. Aiuto, Splinder si mangia i commenti…manco fosse il Gollum.
    Insomma dicevo che magari per il noto principio ermetico “come in altro così in basso” magari pensavamo di avere un cassetto di foulard invece era un cassetto di mutande….o no?

  11. Petuletta
    in realtà ho fatto un accordo con Splinder di ingoiare per un po’ i tuoi commenti.. Così ritorni, ti posso controllare e sei lontana dal Gollum. Insomma… come si fa con i bimbi…
    Un bacio sul musetto

  12. anch’io ho fatto un accordo con splinder. è una raccolta a punti, più commenti faccio, più punti ottengo, fino a vincere una micetta in omaggio!
    e poi c’è chi critica la blogosfera!
    a proposito, che mi avete preparato per colazione?

  13. cosciotto di petulans felix alla menta
    Oh, sia chiaro. Va mangiata cruda.
    Io se vuoi la tengo ferma, però te la sgranocchi da solo. Non ho più i denti di una volta!
    Pieffe

  14. Non ho parole !!
    Tra la mutanda e la forchetta questo angolo, che un tempo era una nuvola soffice e Celeste sta diventando un postribolo.
    Ho una reputazione da difendere, io.
    Mamma mia qualcuno mi aiuti.

    Petula !!! ma dove cavolo ti sei cacciata?
    Marinz, Branz, Carola, Gil
    Dove siete tutti?

    E poi c’è qualcuno che legge e non commenta… Ma almeno nel BISOGNO tendere una mano a chi sta nelle sabbie mobili noooo?

    Celeste
    dis-loggata

  15. @Cele: commentai in precedenza, sostanzialmente mi ritrovavo nel tuo commento #8. Credo poi che hai forze e capacità per le sabbie, mobili o meno. Ma se ti serve aiuto posso al più offrirti un gelato rinfrescante, tanto qui il branzino è lesso.

  16. Ma guarda che cosa devo sentire…come vedi, Celeste, il nostro amico che dispensa perle di saggezza e commenta dai rami del Grande Fico poi non disdegna di incitare esseri strani a cibarsi di povere e indifese micette!
    E poi ha il coraggio di invocare la mamma!!!
    Meno male che ci sei tu e anche Carola ogni tanto, che mi proteggete! Ma Branzino…il gelato era solo per Celeste? magari se te ne scappa una ciotolina….mi piacerebbe quello al cioccolato.

  17. Eccomi velocemente, mentre il PC aggiorna (sono in studio ancora )
    Buono il gelato…
    Per me cioccolato fondente e pistacchio. Grazie Branz.
    Una DAMIGIANA
    grazie

    celeste

  18. Eccomi, sono arrivata a casa da poco. La mia cena è stata consumata in gelateria: una coppa gigante cioccolato fondente, pistacchio e cassata, con un pochino di quello alla cannella.
    Ohhhhhh adesso sì che si ragiona.

    Dunque
    Gelato alla micia???
    Omadonnina….
    Menomale che sono tutti cavalieri, in Controluce….
    Niente battute, infatti…
    GRAZIE.

    Ciao Petula.
    Gollum: granita?

    Celelste

  19. mmm
    Petunia frappè va bene lo stesso?
    coltivazione biologica. No concimi no insetticidi. Garantito Celeste.
    Puoi scegliere tra rosa intenso e bianco.

  20. Lo vedi com’è cattivo il Gollum, Celè?
    Gli dai un dito e si piglia tutta la mano!
    Mo’ la vo’ pure frullata!!
    E’ veramente perfido.
    Vabbè, io comunque, qualora servisse, posso portare il Girrrrmi.
    Pieffe

  21. Celeste, per le alchimie di cui sopra ci ritroviamo che Pieffe comincia ad assomigliare pericolosamente al Gollum.
    Pieffe, ma il Girrrrmi non è la marca della tua astronave a pedali???

  22. Si, Petula.. e ti dirò che:
    il Girmi è pieno di germi
    Il fiume brulica di girini
    e mentre Gollum fa un giretto in giro
    e Pieffe fa un giro in girello
    tu ed io
    giriamo al largo dal girmi, dai germi e anche dai girini…
    Andiamo… E non girarti
    quelli son pronti con il girarrosto…

    Giro giro tondo…

  23. Ps Pieffe:
    occhio che al mulino, oltre alle pale… girano i cetrioli.
    E finchè si prende la pala sul crapone e l’altro ….. in altro (come da te giustamente ipotizzato) va bè…
    Ma … in caso di inversione?

  24. Credo che se si nasce farfalla farfalla si muore. Quelle che a noi possono sembrare delle modificazioni altro non sono che degli adattamenti al vivere quotidiani che difficilmente ci modificano nel profondo. Un abbraccio, Pietro.

  25. Ciao Pietro.
    Eh si.. forse …
    E’ possibile che siamo come il pongo che ci modifichiamo per vestire ogni periodo .. Come un sarto facciamo l’abito piu’ adatto al nostro presente.. Ce lo cuciamo addosso cercando di avere piu’ agio possibile… Forse..
    Grazie. Notte

  26. Caro Pietro,
    non sono d’accordo: non si nasce farfalla, si nasce bruco…
    le metamorfosi avvengono, e non sono sempre prevedibili.
    Celeste notte a tutti
    Gil

  27. Se a una lucertola può rinascere la coda…..da una coda può rinascere una lucertola?
    Ehm…scusate…la mia cena è scappata lasciandomi solo il suo pezzo finale.

  28. una persona particolare, che conobbi molti secoli or sono, mi disse che, comunque si nasce vermi.
    E’ peggio esser vermi illudendosi d’essere farfalle o è peggio esser farfalle, temendo di diventare vermi?
    E poi chi lo ha detto che le farfalle siano meglio dei vermi?
    Boh? Chissà come si sente il Gollum? Una vermalla, o forse una farferme?
    Pieffe

  29. belle domande, PF, mi fai pensare al sogno di Chuang-tzu.
    forse è meglio non sapere proprio cosa si è… ovvero sapere che comunque non si potrà mai saperlo, ma solo immaginarlo.

  30. Eccomi. E’ bello leggere i miei amici la sera, dal mio divano. Dopo un giorno di lavoro e di stanchezza, un sorriso è come una carezza, una coccola, un buon bicchiere di rosso seduta sopra il tappeto del salotto. Sanno di casa certe parole.
    Grazie. Siete tutti speciali.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...