L’INVERNO DI FABRIZIO

de-andre1

Ascoltandola, dalla voce calda e profonda di Fabrizio, cala, come una coperta, una malinconia dolce sopra il cuore. Leggendola … lo stesso.  Fabrizio ha cantato tutto. La guerra, la rivoluzione, la pace. Ha cantato gli indiani, gli zingari, i pastori e gli impiegati. Ha cantato le puttane, i disperati. Ha cantato la mafia, il dolore. Ha cantato Dio, l’Amore. E poi gli ubriachi, i re, i soldati. I bambini e le nuvole. Ha cantato la morte, il pianto, il sorriso e il canto. Ha cantato la Vita.

Sale la nebbia sui prati bianchi
come un cipresso nei camposanti
un campanile che non sembra vero
segna il confine fra la terra e il cielo.

Ma tu che vai, ma tu rimani
vedrai la neve se ne andrà domani
rifioriranno le gioie passate
col vento caldo di un’altra estate.

Anche la luce sembra morire
nell’ombra incerta di un divenire
dove anche l’alba diventa sera
e i volti sembrano teschi di cera.

Ma tu che vai, ma tu rimani
anche la neve morirà domani
l’amore ancora ci passerà vicino
nella stagione del biancospino.

La terra stanca sotto la neve
dorme il silenzio di un sonno greve
l’inverno raccoglie la sua fatica
di mille secoli, da un’alba antica.

Ma tu che stai, perché rimani?
Un altro inverno tornerà domani
cadrà altra neve a consolare i campi
cadrà altra neve sui camposanti.

8 pensieri riguardo “L’INVERNO DI FABRIZIO

  1. Il mondo torna ma solo nella memoria

    di cose e uomini, e nella loro pietà.

    Volto che trasmigra negli anni

    dei nostri cari, nostra stessa materia,

    trasmigra e avverte o consola.

  2. Fabrizio è stato uno dei grandi cantautori del recente passato… ha messo in versi e li ha cantati tantissime situazioni che ogni giorno sono ancora presenti e si ripetono quotidianamente
    Questa canzone/poesia è davvero bella.
    Un sorriso 🙂

  3. De André è stato non solo un grande cantautore ma uno dei più grandi poeti italiani del secolo scorso. Ha saputo dipingere come pochi la vita e gli uomini con un linguaggio apparentemente semplice che è patrimonio solo dei grandi. Un abbraccio, Pietro.

  4. Davvero uan canzone stupenda…
    Questa, è una delle sue canzoni capaci di emozionarmi grandemente…
    E lui, è l’unico cantautore, capace di emozionarmi a tal punto.
    Non ce ne saranno più come lui….

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...