TI PREGO

Liberarsi

dal tarlo che rosicchia le notti

dalle fosse scavate degli occhi

dal dolore che strozza la gola

e da quel vento che restituisce quel tempo.

Tempo passato che maledizione non smette mai di passare

Tempo futuro che maledizione non smette mai di sfumare

 

Liberarsi

da chi bussa alla porta del mio giardino

quello in cui qualcuno ha piantato quei fiori

e da chi arriva da giorni distanti con passi pesanti

a sottrarre acqua dal pozzo degli occhi

Occhi che sanno di tutto e di poco

Occhi pieni di sabbia e tormentati dal vento

 

Liberarsi

da un giorno che è stato, da quel giorno passato

Maledizione perchè il passato non passa

Maledizione perchè le voci non tacciono

Maledizione perchè sto scrivendo di notte

Maledizione quanto tempo ancora prima che la Sua mano ti tocchi

 

Tocca quella fronte tu che sei ormai di vento

Ti prego accarezza quel cuore prima che diventi pianto

Ti prego solo una volta ascolta questa voce che chiede riscatto

 

7 pensieri riguardo “TI PREGO

  1. liberarsi del passato
    per vivere il presente
    e pensare al futuro

    sembra facile…
    del passato non ci si può liberare
    è sempre lì in agguato
    ad invadere il presente
    e compromettere il futuro
    l’unica soluzione
    forse
    è…
    è…
    accettarlo? conviverci?
    apprezzarlo come esperienza vissuta?
    e se la gioia passata è oggi malinconia, nostalgia, rimorso e rimpianto,
    il dolore passato è cicatrice
    più o meno profonda
    più o meno indelebile
    ma che aiuta
    forse
    a conoscerci meglio
    a esplorare i nostri abissi.

    un abbraccio

  2. ho letto tutto, questo e gli altri post…

    Liberarsi… a me viene in mente invece un’altro pensiero: saper perdere. Saper perdere la propria idea, il proprio io, le proprie passioni, saper perdere una voce, un pensiero per ritrovare qualcosa dentro di sè più grande.

    buon weekend

  3. Mute invocazioni le tue Celeste, perché forse resteranno tali.
    Ma quello che hai vissuto nessuno potrà togliertelo, e soprattutto quello che hai vissuto è stato importante, visto che ti ha ispirato una così struggente e profonda lirica.
    E alla fine, dentro ognuno di noi, resteranno i ricordi degli attimi felici vissuti.
    Tu sei grande, Celeste, perché sei sensibile e profonda, e questo ti dovrà sempre accompagnare nella tua vita.
    Un abbraccio forte a te.

Se vuoi, puoi lasciare un messaggio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...